Vendere online: quali sono gli strumenti per partire?

da | Giu 4, 2019

Per la vendita online esistono tanti strumenti più o meno efficaci, ma quando si parla di vendite commerciali e non di semplice vendita di singoli oggetti in ambito privato, bisogna sapere come muoversi e quali sono gli strumenti più validi per vendere online.
Se hai grosse necessità di vendita, oppure vuoi offrire i tuoi prodotti sul web, la scelta migliore è avviare un e-commerce, ossia un negozio di vendita online.
Gli elementi da gestire e tenere in considerazione sono davvero tanti e spesso alcuni di questi, tra i quali anche quelli importanti, vengono tralasciati dagli aspiranti venditori.

Vendere online: quale piattaforma o marketplace scegliere

Cominciamo dai marketplace. Intanto, cos’è un marketplace per la vendita online? È un servizio che ti permette di registrare un account e ti offre uno spazio nel quale mettere tutti i tuoi articoli, con tanto di descrizione, immagini e altri dettagli per i clienti.
Le piattaforme più utilizzate sono eBay e Amazon. Qualora dovessi scegliere una delle piattaforme appena nominate, con le opzioni di base, ti basterà semplicemente caricare i tuoi prodotti, stabilire il prezzo e sottostare alle condizioni imposte da eBay o Amazon.

Se invece vuoi essere totalmente indipendente e avere un e-commerce tutto tuo, puoi affidarti ad un agenzia per lo sviluppo di una piattaforma e-commerce per adottare una soluzione personalizzata sulle tue specifiche esigenze oppure usare uno strumento come WordPress e creare dal nulla il tuo negozio online, con la possibilità di effettuare alcune customizzazioni.
Se decidi di operare su WordPress o altri CMS simili, devi necessariamente scegliere un servizio di hosting, ossia uno spazio libero sul web che ospita tutti i dati relativi al tuo negozio e i tuoi prodotti. In rete ci sono tantissime offerte con ampie differenze in termini di prestazioni e prezzi: cerca di valutare al meglio ciò che soddisfa le tue esigenze e prendi in considerazione di investire qualcosa in più per ottenere un servizio performante.

I migliori strumenti per vendere online

Abbiamo parlato di WordPress perché è il più diffuso e il più indicato per realizzare un e-commerce, grazie a delle estensioni specifiche per il commercio online, come WooCommerce, che mette a disposizione plugin gratuiti e a pagamento.
Con WooCommerce puoi vendere qualsiasi prodotto desideri, sia quelli fisici che quelli digitali, ma anche servizi di consulenza o di altro tipo, affiliazioni, video corsi, ecc.

Cosa serve per aprire un e-commerce

Un negozio online equivale a un vero e proprio negozio fisico, ma senza il problema delle spese relative al locale. Anche per un e-commerce è necessario gestire la contabilità, perciò, se non vuoi sbagliare o rischiare di saltare qualche passaggio importante, rivolgiti a un bravo commercialista che sia competente in materia di attività commerciali online.
Oltre ai costi legati a servizi di hosting, domini e altre spese per la realizzazione e la messa in rete del sito e-commerce, ci sono anche degli obblighi fiscali da rispettare e ovviamente la parte economica relativa all’apertura della partita IVA, prevista per le attività commerciali continuative.

Cosa mettere in un e-commerce oltre ai prodotti da vendere

Un negozio spoglio, seppur pieno di articoli da vendere, non attirerà un gran numero di clienti, quindi è importante scegliere lo stile migliore per il proprio sito.
Oltre a curare la grafica delle varie pagine in base ai tuoi gusti, cosa della quale puoi occuparti personalmente oppure commissionare a una web agency, inserisci immagini di qualità dei tuoi prodotti ad alta risoluzione e da diverse angolazioni.
Aggiungi descrizioni ottime e complete dei tuoi articoli e assicurati che contengano tutte le specifiche e le caratteristiche, comprese eventuali dimensioni, se si tratta di oggetti per i quali è difficile capirne la grandezza. Un elemento molto importante delle descrizioni è l’inserimento di testi che permettano di indicizzare meglio il tuo sito sui motori di ricerca, affinché venga mostrato tra i primi risultati.

Metti a disposizione dei tuoi clienti diversi metodi di pagamento, come carte di credito o carte prepagate, e. se vuoi usare uno dei sistemi più conosciuti per te e soprattutto per loro, adotta il sistema PayPal, riconosciuto a livello globale e che offre svariate garanzie, oltre alla possibilità di un conto business.

Le spedizioni possono incidere in modo notevole sul costo finale dell’articolo, quindi non c’è una scelta predefinita, semplicemente devi valutare quante più opzioni possibili e scegliere la più idonea in base alle tue necessità. Puoi utilizzare anche metodi differenti di spedizione e diversi corrieri in funzione della migliore offerta sul tipo di articolo da spedire, ma se le tue esigenze richiedono una grande mole di spedizioni, allora è bene stabilire un piano e organizzare un magazzino specifico, con personale competente.